Conservazione fatture d’acquisto minimi e forfettari: doppio binario dal 1° gennaio 2019

titolari di partita IVA in regime dei minimi e nel regime forfettario (così come gli operatori identificati in Italia) non hanno l’obbligo di conservazione elettronica delle fatture ricevute, qualora il soggetto non comunichi al cedente o al prestatore l’indirizzo PEC o il codice destinatario con cui ricevere le fatture elettroniche.

Lo scenario è:

  • la conservazione è analogica nel caso di mancata comunicazione dell’indirizzo telematico (PEC o codice destinatario) presso il quale il SdI dovrà veicolare le fatture d’acquisto emesse nei confronti di minimi e forfettari;
  • la conservazione è digitale  nel caso di comunicazione della PEC o del codice destinatario da parte del titolare di partita IVA in regime dei minimi o forfettario – pur non avendone obbligo -.

Fonte: Agenzia delle Entrate, FAQ del 28 novembre 2018.

Scarica tutte le FAQ: faq_fatturazione_elettronica.pdf

Richiedi informazioni

3 + 8 =

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Aspetta, potrebbe interessarti anche ..

GESTIONE CORRISPETTIVI TELEMATICI

  AGGIORNAMENTO ULTIMORA: Emendamento al Decreto Crescita concede moratoria di sei mesi per i Corrispettivi Telematici: Fino al 31 dicembre 2019 niente sanzioni per inosservanza obbligo di scontrino elettronico. Sospensione di sei mesi quindi per le sanzioni ai...

Lo spam non ci piace. Promettiamo di inviarti solo pochi articoli, speriamo interessanti per te. Puoi cancellarti quando vuoi con un clic.

Dati Aziendali | Privacy e Cookie policy | Social Wall | Giornale di bordo | OWA | FILE | ERP